Il Fascicolo Tecnico PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 13 Gennaio 2009 16:48
Il Fascicolo Tecnico, previsto dall'art. 4 del D. Lgs. 494/96 s.m.i., è lo strumento atto a prevedere già a partire dalla fase di progettazione il tipo di manutenzione di cui necessita l'opera individuando da subito i relativi rischi per gli addetti alla manutenzione e prevedendo conseguentemente le misure e/o dotazioni di sicurezza fisse o provvisionali finalizzate all'eliminazione e/o riduzione al minimo dei rischi.

Tale documento costituisce conseguentemente una sorta di "piano di sicurezza per la manutenzione" che, con i dovuti aggiornamenti accompagna l'opera per tutta la sua vita.

Il piano di manutenzione prevede l'intervento di imprese specializzate e la presenza di lavoratori addetti alle operazioni di manutenzione che spesso si alternano nel tempo, questi interventi manutentivi devono fin dalla fase di progettazione essere programmati in sicurezza.

Tra i principali obbiettivi della "Manutenzione Programmata" possiamo ricordare i seguenti:
  • riduzione del fenomeno infortunistico durante i lavori di revisione e manutenzione;
  • funzionalità nel tempo dell'opera e dei relativi impianti;
  • mantenimento nel tempo delle caratteristiche di qualità dell'opera;
  • efficienza dei singoli elementi dell'opera;
  • mantenimento del valore economico.
Il Fascicolo Tecnico dovrà rappresentare un vero dossier dell'opera che riporti tutta la sua storia, dalla nascita alla morte, nel nostro caso dalla progettazione alla eventuale demolizione.
In termini funzionali la struttura del Fascicolo Tecnico è consigliabile sia suddivisa in almeno sei sezioni, di cui si indicano e seguenti contenuti:

Sezione Titolo della sezione Contenuto minimo della sezione
A   

Progetto(edilizio, strutturale, ecc.)   
Questa sezione deve raccogliere (anche come documentazione allegata) il progetto complessivo dell'opera per permettere in caso di lavori successivi di manutenzione ordinaria e/o straordinaria di identificare tutti i singoli elementi, elaborati, particolari costruttivi, calcoli, ecc.
B   
Piano di controllo e monitoraggio  
Consiste in un programma di controllo e monitoraggio di tutti gli elementi che costituiscono l'opera, al fine di verificare lo stato di conservazione, l'eventuale deterioramento e la necessità di intervento manutentivo anche a causa di deterioramento accidentale.
C   
Manutenzione ordinaria   
Consiste in un piano di revisione e manutenzione ordinaria degli elementi che sono sottoposti a deterioramento e precedentemente monitorati. Ad esempio imbiancatura e verniciatura dei locali, verifica di funzionalità degli interruttori differenziali, resistenza della messa a terra, ecc..
D   

Dotazioni  di sicurezza fisse o mobili dell'opera   
Vengono individuate (e riportate anche nelle tavole del progetto) le dotazioni fisse o mobili dell'opera finalizzate alla tutela della salute dei lavoratori addetti alla manutenzione (sistemi di anticaduta della copertura, ancoraggi per facciata, valvole di intercettazione del gas, ecc.).
E   

Procedure di sicurezza   
Consiste in una serie di procedure atte a normare e regolamentare ai fini della sicurezza gli interventi sull'opera delle imprese esterne.
F  

Manutenzione straordinaria   
Sezione da completare in caso l'opera sia sottoposta negli anni ad interventi di manutenzione straordinaria e/o ristrutturazioni.