Gli Obblighi del Datori di Lavoro PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 13 Gennaio 2009 14:32
La conoscenza dei rischi e delle misure di prevenzione e protezione costituisce solo il primo passo per l'adozione di comportamenti sicuri. Infatti è impossibile pretendere di modificare i comportamenti dei soggetti solo sulla base dell'acquisizione di nuove conoscenze, ma è necessario intervenire sugli atteggiamenti degli stessi e questo può essere realizzato mediante la formazione dei lavoratori. Il D. Lgs. 81/08 assegna al datore di lavoro, ai dirigenti ed ai preposti, nell'ambito delle loro competenze, il compito di assicurare che ciascun lavoratore, riceva una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e di salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro ed alle proprie mansioni.

La formazione (D.Lgs. 81/08, art. 37) deve essere effettuata in particolari momenti ovvero in occasione:
  • del primo ingresso nel settore;
  • del cambiamento di mansioni;
  • dell'introduzione di nuove attrezzature, nuove tecnologie, nuove sostanze o preparati pericolosi.

La formazione deve, inoltre, essere ripetuta in presenza di nuovi rischi o in relazione all'evoluzione dei rischi.

Con il Decreto Ministeriale 16 gennaio 1997 (art. 1), viene definito che: "I contenuti della formazione dei lavoratori devono essere commisurati alle risultanze della valutazione dei rischi e devono riguardare almeno:
  • i rischi riferiti al posto di lavoro ed alle mansioni nonché i possibili danni e le conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione;
  • nozioni relative ai diritti e doveri dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul posto di lavoro;
  • cenni di tecnica della comunicazione interpersonale in relazione al ruolo partecipativo.
Ultimo aggiornamento Martedì 13 Gennaio 2009 14:48